Articoli

Domenica 3 Giugno

Il lago di Bolsena appare come un vero e proprio mosaico di attrazioni naturalistiche, storiche, turistiche e culinarie che permettono di assaporare in piena tranquillità uno dei luoghi più belli del Lazio, potremmo vedere l’ originalissima Collegiata di S. Cristina che racchiude ben tre chiese teatro di eventi miracolosi che hanno dato origine alla festività del Corpus Domini. Inerpicandosi su per i ripidi vicoli dell’abitato si giungerà all’imponente castello Monaldeschi della Cervara, dalle cui torri si potrà scoprire l’azzurro intenso delle acque del lago con le sue due isolette, Martana e Bisentina. Nel pomeriggio proseguimento per Civita di Bagnoregio La celebre “Città che muore”. Appare improvvisamente al visitatore come tutta rinserrata sopra il ripidissimo sperone tufaceo che si erge nella desolata valle dei Calanchi, modellata dall’erosione degli agenti atmosferici. Il tufo poggia su un terreno argilloso che ne determina la natura effimera, il progressivo crollo e la costante e inevitabile riduzione dell’abitato. La moderna rampa di accesso conduce all’interno della Civita, luogo quasi irreale per l’assenza di asfalto e automobili, un impianto urbano rimasto intatto e pressoché disabitato dalla fine del XVI secolo.

Quota per persona € 30,00

Partenza Velletri P.za Garibaldi ore 07.30
Genzano  Pala Cesaroni ore 07.45

 

La quota comprende:                                    La quota non comprende :

Bus                                                                                       Tutto ciò non incluso nelle quota comprende
Accompagnatrice

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi all’agenzia in Via Privata Jori – 18 Velletri.
Oppure ai numeri 06/9630071 – 06/9631177       Il nostro sito   wwwbamatour.it

Saldo alla prenotazione.

Domenica 30 dicembre : Torre del Lago Puccini

Partenza dai castelli romani alla volta di Torre del Lago Puccini, così chiamata in onore del grande compositore che trasformò una vecchia Torre di guardia in riva la lago in una villa, oggi museo, dove scrisse molte delle sue opere. La villa ancora di proprietà della famiglia Puccini, è ora un museo in cui si possono ammirare i mobili originali e innumerevoli oggetti appartenuti all’artista tra cui il pianoforte.
E’ così interessante che sembra di entrare in un altro mondo. Ovviamente di Musica , ma anche di parole e storia. Con la cornice del Lago il posto è incantevole.
Nel pomeriggio passeggiata al molo di Viareggio dove si può si può vedere anche “l’Isola che non c’è”! Per vederla bisogna andare davanti a L’attesa… quella delle donne che aspettavano i mariti o i compagni andati a pescare… e il mare è crudele. L’Attesa, scultura in bronzo riproduzione del capolavoro in legno dello scultore viareggino Inaco Biancalana, posta sul molo della città è diventata un simbolo della città stessa. La scultura si compone di cinque personaggi che trasmettono l’angoscia, la speranza nell’attesa del ritorno del pescatore che partiva. Al termine sistemazione in hotel ad Altopascio Cena e pernottamento.

Lunedì 31 dicembre : Montecarlo di Toscana

Dopo colazione visita al bellissimo Borgo Montecarlo di toscana, Il Centro storico, ben conservato ed ancora circondato dalla splendida cinta muraria, sorge su di un colle isolato, ad un altezza di m. 163 s.l.m. All’estremità Nord della Collina di Montecarlo sorge la Fortezza, massiccia costruzione costituita da differenti nuclei che in epoche diverse furono riuniti nello stato attuale. Sin dalla fine del tredicesimo secolo, sulla parte più elevata della collina, venne eretto il massiccio torrione semicircolare, che
ancora oggi è ammirabile nella sua struttura compatta di pietre ben squadrate e sovrapposte sino alla potente merlatura del coronamento. All’inizio della via Roma, fra la Piazza della Fortezza e quella della Chiesa, si trova uno dei più vasti edifici di Montecarlo. L’Istituto Pellegrini-Carmignani, attualmente dipinto di colore bianco, già Monastero delle suore Clarisse, è oggi sede della Biblioteca Comunale, dell’Archivio storico e corrente del Comune, nonché diverse associazioni paesane Accessibile a tutti i visitatori è la piccola chiesa del convento, con ingresso in via Roma, intitolata a S. Anna (con il simpatico sovrastante coretto), e l’ex- chiostro del monastero oggi trasformato in giardino pubblico. Di particolare suggestione l’antico pozzo del cortile, qui perse la vita, in una buia notte di fine ottocento , una giovane monaca afflitta, si narra, da pene d’amore. Possibilità di pranzo/degustazione con prodotti tipici. nel pomeriggio rientro in hotel dove si svolgerà il cenone e veglione. Finiremo l’anno vecchio e inizieremo il nuovo anno insieme all’insegna dell’allegria e del divertimento.

Martedì 01 Gennaio : Lucca

Dopo colazione partenza per Lucca città dinamica per traffici e manifatture ma che entro la cinta di mura rosse serba gelosamente l’immagine di duratura città stato d’intatto tessuto antico. Visita del Duomo di San martino, ambita tappa dei pellegrini lungo la via Franchigena, Piazza Napoleone e le suggestive vie medievali al termine rientro in hotel per il pranzo e nel pomeriggio partenza e rientro nei luoghi di origine. Fine del viaggio e dei nostri servizi.

QUOTA PER PERSONA € 350,00

partenza con minimo 26 pax

LA QUOTA COMPRENDE

– Bus Gran Turismo a/r
– Sistemazione hotel
– Cenone e veglione
– visite come da programma
– Accompagnatrice.
– Assicurazione Viaggio.

LA QUOTA NON COMPRENDE
– Bevande.
– Escursioni facoltative.
– Guida
– Entrate a musei e castelli
– Mance
– Assicurazione annullamento €. 20,00

Acconto € 100,00

E’ necessaria la Carta d’identità

 SCANNO

Domenica 16 Giugno

Scanno è un paesino dell’Abruzzo interno, in provincia dell’Aquila, una perla incastonata a mille metri di altitudine nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, dove i monti si rispecchiano nelle splendide acque del lago. Nel 2018 è stato denominato  borgo più bello d’Abruzzo. Talmente bello da essere chiamato anche La città dei fotografi, perché i suoi scorci sono stati catturati da gente come Henri Cartier-Bresson, Hilde Lotz-Bauer, Mario Giacomelli (la cui immagine “Il bambino di Scanno” è esposta al MoMA di New York)… c’è anche una via dedicata ai fotografi, una piccola terrazza che affaccia su uno degli scorci secondo me più belli del paese.

 

QUOTA PER PERSONA  € 30,00

 

Velletri       Piazza Garibaldi 7.30

Genzano   Pala Cesaroni     7.45

 

La Quota Comprende

Bus

Accompagnatrice

 

La Quota non Comprende

Guida

Domenica 16 Agosto 2020

Lago di Pediluco  – Umbriano

” Il Borgo fantasma”  -Colleponte

 

il borgo Colleponte nucleo fortificato di origine medievale che insieme a Macenano (m. 315 s.l.) formava l’antico Castello di Capo la Terra, un tempo a guardia della viabilità della valle del Nera. Il Castello di Umbriano, proteggeva invece da nord l’Abbazia di S. Pietro in Valle. parallelamente al corso del fiume Nera, suggestivo tratto della Valnerina, un tempo collegamento fondamentale per persone e merci lungo la valle e nodo di confluenza dei vari itinerari trasversali fra le valli parallele. Da notare la rocca e la chiesa di San Giovanni Evangelista, un tempo intitolata a Sant’Apollinare e la Chiesa della Modonna delle Grazie. Il fascino di questo posto è caratterizzato dal suo mistero, e dai segni lasciati dalle molteplici civiltà che vi si sono insediate. Proseguimento per il lago di Piediluco. Piediluco è un pittoresco centro il cui nome significa “ai piedi del bosco sacro”. Con un assetto rimasto quello del medioevo, con le sue basse casette colorate, è in realtà dislocato nello stretto lembo di terra che corre tra il lago ed il monte. Il lago, incassato tra rilievi boscosi, ha l’aspetto di uno specchio d’acqua alpino.

 

Quota € 30,00 a persona

Velletri    Piazza Garibaldi  ore  7.15

Genzano pala Cesaroni     ore   7.30

 

 

La Quota comprende

Bus A/R

Accompagnatrice

Saldo alla prenotazione